Biosimilari in Europa

Il primo biosimilare al mondo è stato introdotto in Europa nel 2006, con l’obiettivo di garantire un migliore accesso ai farmaci biologici ai pazienti europei. Da allora le aziende del comparto hanno continuato a investire in innovazione portando a 20 il numero dei biosimilari oggi disponibili sul mercato UE. In 20 anni di esperienza i biosimilari hanno aumentato significativamente l’accesso a trattamenti di alta qualità per milioni di cittadini europei e l’accesso anticipato ai trattamenti - prima limitato da ragioni di sostenibilità economica - ha consentito anche un deciso miglioramento della qualità di vita e dei pazienti interessati.
 
 
 

DATE E NUMERI DI RIFERIMENTO

 
IBG UE 1
 
 Fonte: Medicines for Europe 
 
 
Uno studio recente riguardante l’accesso alle cure nei Paesi europei a minor reddito ha dimostrato le enormi disparità d’accesso ai medicinali biologici per il trattamento dell’artrite reumatoide, dal costo eccessivamente oneroso. 

 

Tuttavia anche nei Paesi ad alto reddiassassoasto, come la Germania e il Regno Unito, solo il 10-14% dei pazienti con artrite reumatoide ha ricevuto il trattamento con farmaci biologici. Grazie alla concorrenza generata dall’introduzione sul mercato dei  farmaci biosimilari un sempre maggior numero di pazienti potrà avere accesso al trattamento con farmaci biologici nei paesi UE sia a basso che ad alto reddito.

Questo è quanto accaduto nel 2006 con l’introduzione di Filgrastim Biosimilare, che viene utilizzato per la neutropenia a sostegno del sistema immunitario di pazienti sottoposti a trattamento chemioterapico. Tra il 2006 e il 2013, il Filgrastim Biosimilare ha assicurato un incremento nell’accesso alle cure per il 44% dei pazienti.  Anche per altre aree terapeutiche come l’EPO o l'ormone della crescita, l’accesso è aumentato notevolmente con la concorrenza dei Biosimilari e alcuni paesi sono stati in grado di affrontare le esigenze cliniche non soddisfatte a causa della mancanza di farmaci. Lo stesso trend positivo è atteso in conseguenza della recente introduzione del primo Infliximab Biosimilare sul mercato europeo.

  

CONSUMI DI FARMACI BIOSIMILARI NEI PAESI UE (DATI 2015)

 

IBG UE 3

Fonte: QuintilesIMS, 2016